Itinerari nei borghi: Sardegna tutto l’anno eventi

Prende il via Itinerari nei borghi, la nuova iniziativa targata Sardegna tutto l’anno!

Itinerari nei borghi nasce con l’obiettivo di coinvolgere vari borghi della Sardegna e far conoscere queste piccole realtà dell’isola che vantano una grande storia, tradizione e cultura. 

Parte centrale dell’evento sono le tantissime attività che abbracciano vari campi offrendo un’esperienza unica, divertente e itinerante:

  • Scoperta del territorio;
  • Attività ludico-sportive;
  • Enogastronomia locale e tradizionale;
  • Visite guidate alla scoperta dei comuni interessati e delle loro principali attrazioni quali: musei, chiese e monumenti caratteristici;
  • Archeologia e antica storia del territorio;
  • Aree sosta camper.

La prima tappa protagonista del nuovo format è Siligo (SS). Scopriamola insieme!

Siligo, nell’antica regione del Mejlogu

Siligo è un paese di circa 900 abitanti della regione storica del Mejlogu, ricco di cultura e tradizioni. È situato a 400 mt. di altezza alle pendici del Monte Sant’Antonio, diramazione del Monte Pelao, su cui si ergono i ruderi del  Santuario nuragico Monte Sant’Antonio, che visiteremo nella mattinata di Domenica 5 Maggio.

Il territorio è caratterizzato da diversi rilievi di origine vulcanica, tra i quali spicca il Monte Santu (733 metri), dalla caratteristica forma troncoconica (chiamata “mesa”) ed il Monte Ruju da cui si dividono dei dicchi di dimensioni notevoli, chiamati Su Muru ‘e Ferru.

Nel complesso, lo scenario con alture calcaree e basaltiche (alcune a punta, altre arrotondate), e tavolati, si presta a escursioni che uniscono natura e archeologia.

1080px-Siligo_-_Monte_Santo_01-1024x683
Siligo - Monte Santo By Gianni Careddu - Own work, CC BY-SA 4.0

Storia 

In località Biddanoa, sorge la caratteristica chiesa di Santa Maria di Bubalis, nota anche come Nostra Signora di Mesumundu, costruita a fine VI secolo sui resti di un edificio termale romano e modificata dopo il 1065 dagli stessi monaci di Sant’Elia.

Il territorio era abitato sia in epoca nuragica sia in epoca romana, con la presenza continuativa di una consistente popolazione rurale, insediata nell’area delle terme dismesse. Questo conferma che Mesumundu è stato un villaggio rurale tra il V e il VII secolo.

 

1080px-Siligo_-_Chiesa_di_Santa_Maria_di_Mesumundu_01-1024x683
Chiesa di Santa Maria di Mesumundu By Gianni Careddu - Own work, CC BY-SA 4.0

Siligo fece parte della Curatoria di Mejlogu nel Giudicato di Torres. Finita l’epoca giudicale, nel 1259 il villaggio passò sotto il dominio della famiglia genovese dei Doria e intorno al 1350, alla Corona d’Aragona

Nei successivi secoli (XV e XVI), con lo stabilizzarsi nell’isola del sistema del vidazzone, (un regime che rappresenta una forma di agricoltura comunitaria, per cui presuppone una forma di insediamento compatto), si consolidò l’insediamento a carattere comunale.

Nel 1629 Siligo formò la contea di Montesanto, concessa agli Alagon che, con la soppressione del sistema feudale, nel 1839 riscattarono il feudo. 

Siti religiosi

Oltre alla Chiesa di Nostra Signora di Mesumundu abbiamo : 

  • Chiesa dei Santi Elia ed Enoch, costruita sulla sommità del monte Santu e modificata dopo il 1065 dai monaci Benedettini 
  • La Chiesa di San Vincenzo Ferrer campestre, del XVII secolo, dove ogni anno si celebra la festa del paese, 
  • Chiesa di Santa Vittoria: è la chiesa parrocchiale fondata nell’ultimo decennio del XV secolo e l’Oratorio di Santa Croce, costruito nel XVII secolo.
1080px-Siligo_-_Chiesa_di_San_Vincenzo_Ferrer_04-1024x683
Siligo - Chiesa di San Vincenzo Ferrer By Gianni Careddu - Own work, CC BY-SA 3.0

I luoghi di interesse

In località “Coas troviamo l’Osservatorio astronomico, mentre in piazza Maria Carta troviamo il Planetario gestito dalla Società Astronomica Turritana in cui faremo visita Sabato 4 Maggio.

Il Museo Fondazione Maria Carta, altro luogo in programma per la prima tappa di “itinerari nei borghi”, si trova al centro del Paese e si sviluppa su due livelli ed è suddiviso in cinque diverse zone tematiche: ciascuna raccoglie, grazie anche al contributo di filmati audio-video, le testimonianze della molteplice attività di Maria Carta.

Il paese ha dato i natali anche a Gavino Ledda, autore di ‘Padre Padrone’: in centro vedrai i luoghi di ambientazione del celebre romanzo e del film tratto dal libro che vinse la Palma d’oro a Cannes

Credits Fondazione Maria Carta

Itinerari nei borghi: Siligo

Nell’attesa di scoprire quali saranno le altre tappe, vi aspettiamo il 4 e 5 Maggio a Siligo, per inaugurare l’iniziativa promossa e organizzata dall’ASD In Sardegna – Cultura Sport e Territorio e dall’APS Camperisti Torres, con il patrocinio del Comune di Siligo e la collaborazione della Pro Loco di Siligo, l’UISP Comitato Territoriale di Sassari, la Fondazione ed il Museo Maria Carta, Adventure guide, la Società Astronomica Turritana, Camper Club Tittirola e con il contributo della Fondazione di Sardegna.